Il corso di I Livello sarà tenuto da Paolo Quagliarella ed è stato diviso in due macro aree:

  • la prima che fornisce le basi delle teorie psicologiche: La psicologia applicata all’astrologia. Lo sviluppo della personalità e lo scopo dell’uomo
  • la seconda che fornisce la struttura del pensiero astrologico: L’astrologia: le basi

Alla fine del corso si saranno acquistate le prime competenze per poter iniziare ad analizzare il proprio tema natale e quello altrui.

Durante le lezioni saranno analizzati gli oroscopi di personaggi noti e dei partecipanti assieme a delle esercitazioni pratiche.

Dettagli sul corso

  • Le lezioni sono interamente online su Zoom.
  • Saranno fornite:
    • Le slides e le dispense delle lezioni in formato .pdf
    • La bibliografia completa.
    • Le indicazioni sui software da utilizzare per calcolare il tema natale.
  • Accesso alle lezioni su piattaforma online per un mese dopo la lezione
  • Sarà rilasciato un attestato di partecipazione al termine del corso.

 

La durata complessiva del corso è di 30 ore. Le lezioni si terranno di domenica come da programma presente in questo documento, una al mese a partire dal 23/03/2025

Il costo del corso è di 450 € così suddivise:

  • 100 € all’iscrizione entro 31/12/2024
  • 350 € di saldo entro il 28/02/2025

Il numero massimo degli iscritti è pari a 15.

Per informazioni e dettagli compilare la form in basso o scrivere a Paolo.quagliarella@gmail.com o contattarmi telefonicamente o whatsapp al numero 347 6519517.

Scarica il programma completo, clicca qui.

    Per poter procedere devi accettare il flag relativo alla privacy.
    I dettagli rispetto al trattamento dei dati sono su "Privacy"

    Il Programma – Corso Base di astrologia psicologica – analitico archetipica.

    Modulo 1: Psicologia – Jung e Astrologia – I 4 elementi

    1. Carl Gustav Jung, l’inconscio collettivo, gli archetipi e lo sviluppo della personalità: 2h 30min
    2. Astrologia: le basi – I 4 elementi zodiacali – Acqua, Aria, Terra, Fuoco e le funzioni psicologiche junghiane: 2h 30min

    Data: Domenica 23 marzo 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 16:00

    Totale: 5h

     

    Modulo 2: Psicologia – Hillman e Astrologia – I 12 Segni zodiacali (Parte 1)

    1. James Hillman dal Puer al Senex e lo svolgersi dell’esistenza: 2h 30min
    2. Astrologia: le basi – I 12 Segni zodiacali, le immagini archetipiche e i 4 elementi (Parte 1): 2h  30min

    Data: Domenica 13 aprile 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 16:00

    Totale: 5h

     

    Modulo 3: Astrologia – I 12 Segni zodiacali (Parte 2) e Psicologia – Liotti e McLean

    1. Astrologia: le basi – I 12 Segni zodiacali, le immagini archetipiche e i 4 elementi (Parte 2): 2h 30min
    2. I sistemi motivazionali TEN di Giovanni Liotti e il cervello tripartito di McLean: 1h 30min

    Data: Domenica 4 maggio 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 15:00

    Totale: 4h

     

    Modulo 4: Psicologia – Winnicott e Astrologia – I 10 Pianeti nei Segni

    1. Donald Winnicott, attaccamento, accudimento, oggetto e spazio transazionale: 1h 30min
    2. Astrologia: le basi – I 10 Pianeti nei Segni – la relazione fra immagini archetipiche e divinità: 1h 30min

    Data: Domenica 8 giugno 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 15:00

    Totale: 4h

     

    Modulo 5: Psicologia – Bowlby e Astrologia – Le dodici case astrologiche (Parte 1)

    1. John Bowlby e i Modelli Operativi interni (MOI): 1h 30min
    2. Le dimore degli dèi: le dodici case astrologiche come espressione dei bisogni umani (Parte 1): 2h 30min

    Data: Domenica 28 settembre 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 15:00

    Totale: 4h

     

    Modulo 6: Astrologia – Le dodici case astrologiche (Parte 2) e Psicologia – Erikson

    1. Le dimore degli dèi: le dodici case astrologiche come espressione dei bisogni umani (Parte 2): 2h 30min
    2. Erik Erikson e lo sviluppo della personalità dall’infanzia alla vecchiaia: 1h 30min

    Data: Domenica 19 ottobre 2025 dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 15:00

    Totale: 4h

     

    Modulo 7: Psicologia – Il Sole, la Luna e l’Ascendente e Astrologia e Neuroscienze

    1. Il Sole, la Luna e l’Ascendente – la base portante della personalità: 3h
    2. Astrologia e Neuroscienze: il ruolo della narrazione: 1h

    Data: Domenica 9 novembre 2025 dalle 09:30 alle 12:30

    Totale: 3h

    Durata complessiva dei 7 moduli è di 30 ore.

    I DETTAGLI SULLE LEZIONI

    La psicologia applicata all’astrologia. Lo sviluppo della personalità e lo scopo dell’uomo

    Il pensiero astrologico offre una prospettiva unica e affascinante per comprendere la personalità umana e il suo sviluppo. Questa prospettiva può essere integrata con le teorie psicologiche della personalità per offrire una visione olistica e completa dell’individuo. Esamineremo come le teorie della personalità, tra cui la teoria dei sistemi motivazionali di Giovanni Liotti, il cervello tripartito di McLean, i concetti di attaccamento di Donald Winnicott e John Bowlby, lo sviluppo psicosociale di Erik Erikson, l’individuazione di Carl Gustav Jung e la visione archetipica di James Hillman, possano essere messe in relazione con il pensiero astrologico attraverso l’analisi delle case, dei segni, degli aspetti e dei pianeti. Ognuna delle teorie trova un riscontro con il sistema astrologico.

    In queste lezioni saranno affrontate le teorie descritte dal punto di vista psicologico, nelle lezioni successive del corso di II Livello si approfondiranno i collegamenti con l’astrologia che sono descritti in basso a titolo di esempio. E’ fondamentale conoscere e comprendere prima le teorie e successivamente applicarle all’astrologia.

     

     

    I sistemi motivazionali TEN (Teoria dei sistemi motivazionali) di Giovanni Liotti e il cervello tripartito di McLean.

    Durata della lezione: 1 ora e 30 minuti.

    I sistemi motivazionali TEN (Teoria dei Sistemi Motivazionali) sono un modello proposto dallo psicologo italiano Giovanni Liotti per descrivere diversi sistemi di regolazione del comportamento umano. La teoria si basa sull’idea che il comportamento umano è regolato da una serie di sistemi motivazionali, ciascuno dei quali ha una funzione specifica e si attiva in contesti particolari.

    Giovanni Liotti ha sviluppato la teoria dei sistemi motivazionali per spiegare come il comportamento umano sia regolato da diversi sistemi motivazionali, ciascuno con una funzione specifica. Questi sistemi includono la cura, l’attaccamento, la cooperazione e l’agonismo. Secondo Liotti, questi sistemi sono alla base delle nostre interazioni sociali e influenzano profondamente il nostro comportamento e la nostra personalità.

    Il modello del cervello tripartito di McLean, invece, divide il cervello in tre parti: il cervello rettiliano, il sistema limbico e la neocorteccia. Ogni parte del cervello è associata a diverse funzioni e comportamenti, dal più primitivo al più avanzato.

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, possiamo correlare i sistemi motivazionali e le strutture cerebrali con i pianeti e le case. Per esempio, Marte può rappresentare l’agonismo e la competitività, che sono collegati al cervello rettiliano e al sistema di lotta o fuga. Venere può essere associata al sistema motivazionale della cura e dell’attaccamento insieme alla Luna e a Marte. La Luna, collegata al sistema limbico, rappresenta le emozioni e le reazioni istintive, mentre Mercurio può rappresentare il sistema esploratorio.

     

     

     

    Donald Winnicott attaccamento, accudimento, oggetto e spazio transazionale.

    Durata della lezione: 1h e 30 minuti.

    Donald Winnicott, psicoanalista e pediatra britannico, ha sviluppato concetti chiave nell’ambito dell’attaccamento e dell’accudimento. Ha introdotto l’idea del “sufficientemente buono” caregiver, fondamentale per lo sviluppo emotivo del bambino. L'”oggetto transizionale” è un elemento di conforto che aiuta il bambino a passare dalla dipendenza all’indipendenza. Lo “spazio transizionale” è un’area intermediaria tra realtà interna ed esterna, dove il bambino esplora e sperimenta creatività e gioco. Questi concetti evidenziano l’importanza delle prime esperienze relazionali nel costruire un senso di sé sano e stabile.

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, possiamo collegare questi concetti ai pianeti e alle case. La Luna rappresenta l’attaccamento e l’accudimento, indicando come una persona percepisce la cura e la sicurezza emotiva. La quarta casa, associata alla famiglia e alla casa, è il luogo dove avvengono le prime esperienze di attaccamento. Mercurio, governatore della terza casa, può rappresentare l’oggetto transizionale, poiché è associato alla comunicazione e al movimento, facilitando il passaggio dall’infanzia all’indipendenza. Lo spazio transizionale può essere visto come l’interazione tra la quinta casa, legata alla creatività e al gioco, e la settima casa, che rappresenta le relazioni interpersonali.

     

     

     

    Bowlby e i Modelli Operativi interni (MOI). Attaccamento e accudimento lo sviluppo della relazione con l’altro.

    Durata della lezione: 1h e 30 minuti.

    John Bowlby e le teorie sullo sviluppo emotivo e relazionale dei bambini. La teoria si focalizza sui MOI, schemi mentali che influenzano le percezioni e le aspettative nelle relazioni interpersonali. Analizzeremo come le prime esperienze di attaccamento e accudimento con i caregiver modellano questi MOI, influenzando le relazioni future.

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, i MOI possono essere associati alle configurazioni planetarie e agli aspetti. La posizione della Luna e gli aspetti che essa forma con altri pianeti possono indicare i modelli emotivi e di attaccamento di una persona. La settima casa, che rappresenta le relazioni, e la sua cuspide (Discendente) mostrano come una persona si relaziona con gli altri e quali aspettative ha nelle relazioni interpersonali. Saturno, che rappresenta le strutture e i limiti, può indicare i blocchi o le sfide nei MOI, mentre Giove, simbolo di espansione e crescita, può rappresentare le opportunità di superare questi schemi e sviluppare relazioni più sane.

     

     

     

    Erik Erikson e lo sviluppo della personalità dall’infanzia alla vecchiaia

    Durata della lezione: 1h e 30 minuti.

    La teoria dello sviluppo psicosociale di Erik Erikson propone otto stadi che coprono l’intero arco della vita, ciascuno caratterizzato da una crisi psicosociale che influenza la formazione della personalità. La risoluzione positiva di queste crisi porta allo sviluppo di virtù specifiche.

    Dalla fiducia contro sfiducia nell’infanzia all’integrità dell’Io contro disperazione nella vecchiaia, ogni stadio rappresenta una sfida cruciale. La risoluzione positiva di queste crisi porta allo sviluppo di virtù come speranza, volontà, scopo, competenza, fedeltà, amore, cura e saggezza. La teoria di Erikson evidenzia l’importanza delle esperienze sociali e relazionali nel modellare la crescita e lo sviluppo individuale.

    Erik Erikson ha proposto una teoria dello sviluppo psicosociale che copre l’intero arco della vita, con otto stadi, ciascuno caratterizzato da una crisi psicosociale

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, i vari stadi di sviluppo di Erikson possono essere correlati ai cicli planetari e alle 12 case astrologiche. Per esempio, il ciclo di Saturno di circa 29 anni può essere visto come un indicatore dei passaggi chiave nello sviluppo personale. La prima opposizione di Saturno intorno ai 14-15 anni corrisponde all’adolescenza e alla ricerca di identità, un tema centrale nel quinto stadio di Erikson (Identità vs. Confusione di Ruoli). Il ritorno di Saturno intorno ai 29 anni segna un periodo di riflessione e di assunzione di responsabilità, collegabile al settimo stadio (Intimità vs. Isolamento). Anche i transiti di Giove, che avvengono ogni 12 anni, possono indicare periodi di crescita e di espansione nelle fasi di sviluppo descritte da Erikson.

     

     

     

     

    Carl Gustav Jung, l’inconscio collettivo, gli archetipi e lo sviluppo della personalità

    Durata della lezione: 2h e 30 minuti.

    Jung ha sviluppato una teoria complessa e articolata sullo sviluppo della personalità umana. Secondo Jung, la personalità si sviluppa attraverso un processo chiamato individuazione, che dura tutta la vita e comporta la realizzazione del Sé. La teoria dello sviluppo della personalità non è stata sistematizzata ma si può evincere dai suoi lavori. Si possono ipotizzare 5 stati: Infanzia, adolescenza, Prima età adulta, mezz’età, vecchiaia.

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, il processo di individuazione può essere rappresentato dal viaggio del Sole e degli altri pianeti attraverso il tema natale, che simboleggia l’Io e la ricerca del sé autentico. L’Ascendente rappresenta il punto di partenza di questo viaggio e indica come una persona inizia il suo percorso di individuazione, il suo punto di vista sul mondo. La posizione di Saturno nel tema natale può indicare le sfide e le trasformazioni profonde che una persona deve affrontare per raggiungere la realizzazione del Sé. Inoltre, l’analisi degli aspetti tra il Sole e gli altri pianeti può rivelare le dinamiche interne e i conflitti che l’Io del soggetto deve risolvere per raggiungere l’integrazione.

     

     

     

     

    James Hillman dal Puer al Senex e lo svolgersi dell’esistenza. La visione archetipica.

    Durata della lezione: 2h e 30 minuti.

    James Hillman ha sviluppato una teoria della personalità incentrata sull’anima e sull’archetipo. Introduce il concetto di “Daimon”, un nucleo essenziale che guida il destino individuale. Hillman enfatizza l’importanza dell’anima come dimensione psichica e degli archetipi, immagini universali dell’inconscio collettivo, che sono in relazione con il comportamento. Contrariamente alle teorie lineari dello sviluppo, Hillman vede la crescita personale come un percorso unico e non prevedibile, dove le crisi sono opportunità per esprimere il Daimon. Il compito primario dell’individuo è scoprire e seguire la propria vocazione, un processo simile all’individuazione junghiana. La teoria di Hillman sullo sviluppo della personalità non è stata sistematizzata ma possiamo evincerla dai suoi lavori pensando all’infanzia e alla vecchiaia mettendoli in relazione con specifici archetipi.

    Esempio di applicazione della teoria: In astrologia, il concetto di Daimon può essere correlato all’analisi di specifici pianeti in specifici momenti della vita, possiamo avere più Daimon a seconda delle situazioni. Gli archetipi descritti da Hillman possono essere associati agli archetipi planetari, come Marte (guerriero), Venere (amante), Mercurio (messaggero) e così via. Il passaggio dal Puer al Senex, simboli della giovinezza e della saggezza, può essere rappresentato dai transiti di Saturno e Giove, che indicano rispettivamente la maturità e l’espansione. Sia nella visione junghiana che hillmaniana gli dèi sono divinità e se come scriveva Jung “gli dèi sono diventati malattie” attraverso le loro storie possiamo trovare la cura.

     

     

     

    Astrologia e Neuroscienze: il ruolo della narrazione – perché funziona l’astrologia nel contesto del counseling?

    Nella lezione esploreremo come la narrazione influenzi la mente umana e faciliti la comunicazione. Analizzeremo come le storie sincronizzano l’attività cerebrale del narratore e dell’ascoltatore, migliorando la comprensione reciproca. Vedremo come le storie attivano aree cerebrali legate alla memoria e alle emozioni, rafforzando i ricordi e le connessioni sociali. Discuteremo anche del fenomeno dell’immersione emotiva, che permette alle narrazioni di influenzare credenze e percezioni. Infine, tratteremo l’importanza di scegliere storie rilevanti per le esperienze personali nel contesto della consulenza astrologica.

    Durata della lezione: 60 minuti (60 minuti)

    Conclusioni

    Integrare le teorie psicologiche della personalità con il pensiero astrologico offre una prospettiva ricca e multidimensionale sullo sviluppo umano. Ogni teoria psicologica fornisce una lente attraverso cui possiamo comprendere meglio le dinamiche della personalità, mentre l’astrologia offre uno strumento simbolico per esplorare queste dinamiche nel contesto del tema natale.

    Non esiste una teoria psicologica migliore delle altre, ma tutte arricchiscono la nostra comprensione della personalità umana, offrendo anche strumenti pratici per l’auto-riflessione e la crescita personale. Attraverso lo studio del tema natale e l’analisi delle teorie psicologiche, possiamo esplorare le profondità della nostra psiche e lavorare per realizzare il nostro potenziale più autentico.

     

     

     

    Astrologia: le basi

    Si affronteranno i concetti base dell’astrologia: Elementi, Segni, Pianeti e funzioni psicologiche correlate e messe in relazione con la psicologia analitica di C. G. Jung e archetipica di J. Hillman.

     

    I 4 elementi zodiacali – Acqua, Aria, Terra, Fuoco e le funzioni psicologiche junghiane (sentimento, pensiero, sensazione e intuizione)

    Durata della lezione: 2h e 30 minuti.

    I quattro elementi — fuoco, terra, aria e acqua — sono fondamentali per comprendere le dinamiche psicologiche umane. Ognuno rappresenta aspetti specifici della personalità e della vita interiore. Il fuoco simboleggia l’energia, l’entusiasmo e la passione, spingendo l’individuo verso l’azione e l’autorealizzazione. È collegato a un dinamismo interiore che può trasformarsi in impazienza e impulsività se non bilanciato.

    La terra rappresenta la stabilità, la praticità e la concretezza. Le persone con una forte influenza dell’elemento terra sono radicate e affidabili, ma possono diventare troppo rigide o materialistiche. L’elemento aria è associato al pensiero, alla comunicazione e alla socialità. Promuove l’intelletto e l’interazione sociale, ma un eccesso può portare a instabilità e dispersione.

    L’acqua simboleggia le emozioni, la sensibilità e l’intuizione. Le persone influenzate dall’elemento acqua sono empatiche e intuitive, ma possono essere facilmente sopraffatte dalle loro emozioni. Questi elementi non solo riflettono diversi aspetti della personalità, ma influenzano anche il modo in cui affrontiamo le sfide e ci relazioniamo con il mondo.

    La comprensione e l’equilibrio dei quattro elementi possono portare a una maggiore consapevolezza di sé e a un benessere psicologico complessivo. Integrare gli elementi in modo armonioso aiuta a sviluppare una personalità equilibrata e a vivere una vita più soddisfacente e significativa​.

    I 12 Segni zodiacali, i loro 10 pianeti, come divinità, governatori, le loro immagini archetipiche – i 4 elementi in 3 modalità espressive

    Durata della lezione: 5h ore

    In questa lezione, esploreremo i 12 segni zodiacali e le loro immagini archetipiche, analizzando come si manifestano simbolicamente attraverso i quattro elementi: fuoco, terra, aria e acqua. Ogni elemento rappresenta diverse possibilità espressive che si manifestano in tre modalità: cardinale, fisso e mutevole.

    Il fuoco simboleggia energia, entusiasmo e creatività, mentre la terra rappresenta stabilità, praticità e concretezza. L’aria è simbolo di pensiero, comunicazione e socialità, e l’acqua incarna emozioni, sensibilità e intuizione. Ogni combinazione di segno, elemento e modalità esprime un particolare archetipo, offrendo una ricca gamma di simboli e immagini che possiamo esplorare per comprendere meglio noi stessi e gli altri.

    Studieremo come queste combinazioni simboliche riflettano diversi aspetti della nostra psiche e come possano suggerire vari modi di interagire con il mondo. Non si tratta di influenze fisse o predeterminate, ma di possibilità espressive che offrono una mappa simbolica per navigare le nostre esperienze e relazioni. Attraverso questa esplorazione, impareremo a riconoscere e apprezzare la varietà delle dinamiche energetiche che modellano il nostro carattere e le nostre interazioni, favorendo una maggiore consapevolezza e crescita personale.

     

    I 10 Pianeti nei Segni – la relazione fra immagini archetipiche e divinità

    Durata della lezione: 2h e 30 minuti.

    In questa lezione, esploreremo i 10 pianeti nei segni zodiacali, analizzando la relazione fra immagini archetipiche e divinità. Ogni pianeta rappresenta un principio fondamentale dell’esperienza umana, associato a specifiche divinità e archetipi mitologici. Esamineremo come questi pianeti, collocati nei vari segni, esprimano diverse sfaccettature della psiche e del comportamento umano.

    Per esempio, Marte, simbolo di energia e azione, è collegato al dio della guerra e riflette archetipi di coraggio e conflitto. Venere, dea dell’amore e della bellezza, incarna archetipi di armonia e desiderio. Ogni pianeta nei segni offre un’espressione unica di queste energie archetipiche, creando una vasta gamma di possibilità simboliche.

    Analizzeremo come queste combinazioni planetarie possono essere interpretate per comprendere meglio le dinamiche personali e le motivazioni profonde. Non si tratta di predizioni deterministiche, ma di un linguaggio simbolico che ci aiuta a esplorare le potenzialità e i significati più profondi della nostra esistenza.

    Questa lezione ci guiderà nell’associare ogni pianeta alle sue immagini archetipiche e divinità, illustrando come queste connessioni arricchiscano la nostra comprensione dell’astrologia e della psicologia. Impareremo a utilizzare questi simboli per una maggiore consapevolezza e per facilitare il nostro percorso di crescita personale e auto-comprensione.

     

    Le dimore degli dèi: le dodici case astrologiche come espressione dei bisogni umani. I 10 pianeti nelle case astrologiche.

    In questa lezione esploreremo il concetto delle dodici case astrologiche, “le dimore degli dèi”, e il loro ruolo come espressione dei bisogni umani. Le case astrologiche rappresentano diverse aree della vita, fornendo una struttura simbolica per comprendere le nostre esperienze quotidiane, il nostro sviluppo personale, i nostri bisogni.

    Ogni casa rappresenta un aspetto specifico dell’esistenza, che va dall’identità personale alle relazioni, dalla carriera alla spiritualità.

    Durante la lezione, ci concentreremo su come le case astrologiche offrano uno spazio simbolico per l’espressione delle energie planetarie. I dieci pianeti principali (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno e Plutone) posizionati nelle diverse case portano con sé qualità uniche che arricchiscono e diversificano la nostra esperienza di vita.

    L’obiettivo della lezione è fornire una panoramica su come le case astrologiche e i pianeti al loro interno possono essere utilizzati per interpretare e comprendere meglio i bisogni umani. Studieremo esempi pratici e analizzeremo carte astrologiche per vedere come queste dinamiche possano offrire una comprensione più ricca e sfumata delle sfide e delle opportunità che incontriamo nella vita.

     

    Questo approccio non deterministico alla lettura astrologica ci aiuterà a riconoscere le varie possibilità espressive che emergono nelle diverse aree della nostra esistenza. Impareremo come le case e i pianeti possano suggerire percorsi simbolici per navigare le nostre esperienze e relazioni, favorendo una maggiore consapevolezza e crescita personale. La lezione mira a fornire strumenti pratici e concettuali per utilizzare l’astrologia come mezzo di auto-comprensione e sviluppo armonioso.

    Durata della lezione: 5 ore

     

    Il Sole, la Luna e l’Ascendente – la base portante della personalità. Da dove partire per interpretare il tema natale.

    Durata della lezione: 3 ore

    In questa lezione, ci concentreremo sui tre elementi fondamentali dell’astrologia: il Sole, la Luna e l’Ascendente, considerati la base portante della personalità. Questi tre fattori sono essenziali per comprendere le dinamiche principali del tema natale e rappresentano il punto di partenza per qualsiasi interpretazione astrologica.

    Il Sole rappresenta l’essenza centrale dell’individuo, la fonte di energia e vitalità che definisce la nostra identità di base. La Luna riflette il mondo emotivo e inconscio, i nostri bisogni profondi e le reazioni istintive. L’Ascendente, invece, simboleggia la maschera che mostriamo al mondo, il nostro approccio iniziale alla vita e come ci presentiamo agli altri.

    Durante la lezione, esploreremo come questi tre elementi lavorino insieme per formare un quadro completo e armonioso della personalità. Analizzeremo come il Sole, la Luna e l’Ascendente interagiscono e influenzano reciprocamente i vari aspetti del nostro carattere e comportamento. Inoltre, discuteremo come riconoscere e interpretare i loro posizionamenti e relazioni all’interno del tema natale.

    L’obiettivo della lezione è fornire una solida base per l’interpretazione astrologica, mostrando come partire dall’analisi di questi tre elementi chiave per sviluppare una comprensione approfondita e integrata del tema natale. Studieremo esempi pratici e casi reali per illustrare come applicare queste conoscenze nella pratica astrologica, offrendo strumenti utili per interpretare e comprendere meglio se stessi e gli altri.

    Questa lezione mira a equipaggiarvi con le competenze necessarie per iniziare a esplorare il tema natale con sicurezza, utilizzando il Sole, la Luna e l’Ascendente come fondamenta per un’analisi astrologica completa e significativa.