Studiando filosofia con mio figlio Sergio, mentre ripeteva la lezione, prendendomi in giro sulle mie competenze filosofiche diceva: “sai che Socrate usava la maieutica per portare gli uomini verso la verità e che aveva preso questo nome per  la sua idea perché sua mamma era una levatrice?”

Ebbene in greco la parola “maia” indica la professione della levatrice di chi aiuta a tirar fuori, a far nascere.

  • Socrate tirava fuori, faceva pensare attraverso il dialogo, Hermes – Mercurio.
  • La mamma di Hermes – Mercurio si chiama Maia: colei la quale ha tirato furoi la possibilità di comunicazione e di conoscenza.
  • Se ricordate il cartone animato – per chi l’ha visto o ne ha sentito parlare – , l’Ape Maia, usciva spesso dall’alveare perché era un’ape curioso, che voleva conoscere il mondo, sperimentare, proprio come il nostro Hermes – Mercurio astrologico, per di più aveva le ali e volava come lui.

Il titolo originale del’anime era Mitsubachi Māya no Bōken” (みつばちマーヤの冒険) in giapponese. Questo titolo si traduce in “Le avventure dell’ape Maia” in italiano.

C’è sempre da imparare che sia letteratura, anime… narrazione 🙂