Per la mente occidentale il mondo è interpretato secondo la legge della causa e dell’effetto, ogni azione produce un effetto, ed è ovviamente corretto, ma questa è una delle interpretazioni possibili.

Infatti nel mondo orientale è importante il tempo in cui accade un fatto, l’istante e la relazione che noi nella nostra mente creiamo rispetto agli accadimenti esterni. Il pensiero orientale spiega i fatti che accadono nel mondo partendo dalla psiche.

Semplificando possiamo affermare che gli occidentali partono dalla materia per cercare di arrivare alla Psiche attraverso il principio di causa ed effetto. Gli orientali partono dalla Psiche per cercare di dare un senso, una spiegazione alla Materia attraverso il principio di sincronicità.

Quindi per comprendere il mondo attraverso il principio di sincronicità dobbiamo conoscere tutti i particolari dell’evento accaduto, tutta la storia. Se penso ad un amico che non sento da tempo e lui mi telefona quasi immediatamente, non è stata la mia psiche ad attivare l’azione dell’amico, ma il fatto che io spieghi l’evento dicendomi: “guarda, pensavo a lui e mi ha telefonato”, il legame è nella mia testa partendo dai fatti dalla telefonata.

ASTROLOGIA E SINCRONICITA’

Allo stesso modo funziona l’astrologia non sono i Pianeti, i Segni, gli Aspetti a fare di noi quello che siamo, ma il senso che noi cerchiamo nella nostra storia attraverso di essi, cercandone delle nuove. Quando si analizzano tramite le più diverse tecniche previsionali i possibili accadimenti futuri c’è bisogno di conoscere il passato del soggetto, quello che lui desidera fare in futuro, le aspettative dobbiamo conoscere la storia contingente per confrontarci e provare a leggere quello che il metodo mantico potrebbe comunicare. Nella lettura del “futuro” non c’è una sola ipotesi possibile, ma sono infinite le ipotesi che, per esempio, noi possiamo fare di un transito a un pianeta del tema natale. Conoscendo più particolari possibili del soggetto potremmo restringere le ipotesi, ma certamente non avremo mai la certezza che le storie raccontate, le ipotesi fatte si avverino. Quindi come ricorda M-L. von Franz

Se vogliamo spiegare un fenomeno di sincronicità, dobbiamo ogni volta illustrare tutta la storia contingente del problema, per mostrare come gli eventi esterni concordino.” Psiche e Materia, Bollati Boringhieri, pag. 19

Allo stesso modo e a maggior ragione l’astrologia e la rilettura della personalità di un soggetto di cui si conoscono la biografia, gli eventi passati attraverso l’analisi del tema natale (transiti, progressioni, ecc.) funziona grazie al principio di sincronicità. Quando viene manifestato un bisogno dal soggetto, una necessità concreta e sentita, attraverso l’astrologia e il tema natale è possibile ricostruire la storia di questo bisogno: i Pianeti, i Segni le storie mitologiche diventano l’alfabeto per raccontarle, l’inchiostro con cui scriverle è la sincronicità, la carta su cui poggiare la penna è la nostra vita.