L’astrologia perché dovrebbe dirci qualcosa di noi? Come fa a descriverci? C’è qualcosa di comune, allora, fra il cielo e l’uomo?

Parto dall’ultima domanda: sì, c’è qualcosa di comune tra i pianeti nel cielo e l’uomo. Ma non è un rapporto di causa ed effetto, non sono i pianeti che ci descrivono, siamo noi uomini che proiettiamo le nostre aspettative verso di loro.

“Le costellazioni astrologiche raffigurano quelli che noi chiamiamo gli archetipi dell’inconscio collettivo. Sono immagini degli archetipi proiettate nel cielo. L’oroscopo della nascita raffigura una particolare combinazione individuale di elementi archetipici” Marie-Louise von Franz, La morte e i sogni, Boringhieri, Torino, 1986, p. 159

Ma il passaggio fondamentale che esplicita Jung nello spiegare l’astrologia rendendo responsabile l’uomo del suo funzionamento è il seguente:

“È come se l’anima umana fosse costituita di qualità provenienti dalle stelle; sembra che le stelle abbiano delle qualità che s’inseriscono bene nella nostra psicologia. Ciò accade in ragione del fatto che, originariamente, l’Astrologia era una proiezione sulle stelle della psicologia umana inconscia. In ciò vi è una conoscenza stupefacente, che consciamente non possediamo, del funzionamento inconscio che appare in primo luogo nelle stelle più remote, le stelle delle costellazioni zodiacali. Sembra che ciò che possediamo, come conoscenza più intima e segreta di noi stessi, sia scritto nei cieli. Per conoscere il mio carattere più individuale e più vero devo frugare i cieli, non riesco a vederlo direttamente in me stesso… “ C. G. Jung, Visioni p. 692.

Non ci fermiamo mai abbastanza ad analizzare queste parole di Jung che utilizza il verbo, sembra, non c’è certezza scientifica, appare all’uomo in questo modo, il valore dell’astrologia, “come se” (condizionale) ci fosse un influsso dei pianeti, delle costellazioni, invece, è una nostra proiezione nel cielo, l’uomo proietta i propri pensieri, i moti dell’animo in cielo.

Dunque l’astrologia funziona perché ci crediamo, in qualche modo, entriamo in uno stato poetico; c’è un abbassamento del livello di coscienza e abbiamo bisogno di immaginare per scoprire la nostra interiorità. Tutto ciò che s’inserisce dopo: la tecnica astrologica, il racconto mitologico, sono strumenti funzionali all’introspezione.

LA SINCRONICITA’ E L’ASTROLOGIA IN PAROLE SEMPLICI

La sincronicità, quindi, che è la ricerca del senso degli avvenimenti che ci sembrano a-causali, può essere definita anche come un ulteriore strumento che il nostro cervello utilizza per spiegare queste proiezioni.

Ci sono i pianeti, c’è l’uomo: l’uomo proietta le aspettative negli astri e quando scopre in sé qualcosa di vero in questa relazione (l’astrologia funziona, mi sta raccontando di me), qualcosa che lo scuote sin nelle fondamenta del proprio essere, come se ci fosse qualcosa di magico e inspiegabile, interviene il concetto di sincronicità a cercare di dare un senso al vissuto interiore ed esteriore.

 

Se desideri prenotare una consulenza con me leggi prima del mio modo di condurre la consulenza, le recensioni per capire se posso esserti utile.

LE RECENSIONI DEI CLIENTI

Fare anima

Paolo ha un approccio molto professionale alla disciplina che accanto ad una conoscenza precisa e mai banale dei miti riferiti ai transiti sa trasformare la consulenza in un virtuale viaggio iniziatico alla scoperta delle proprie radici. Nella mia esperienza di lettura del tema natale ho ritrovato immediate e diverse corrispondenze con fatti oggettivi o tendenze caratteriali che appartenendo alla mia vita privata non potevano essere note prima dell'incontro. Quello però che emerge dall'approccio all'interpretazione che Paolo propone è una visione dei propri nodi esistenziali attraverso la focalizzazione dei miti legati ai transiti che rappresenta una autentica porta spalancata verso la dimensione evolutiva dell'essere umano. Se è vero come credo che "astra inclinant sed non determinant" Paolo propone in questa direzione una preziosa tecnologia del fare anima.

La mia storia, i miei talenti

Di Paolo mi ha colpito, anzitutto, il suo essere accomodante.
Ha un modo pacato, ma fermo nello stesso tempo, di "raccontare" la tua storia... in chiave astro-mitologica!
Per circa un'ora e mezza di consulenza, ha saputo accompagnarmi verso il viaggio più bello: me stessa.
Ha saputo portarmi a prendere consapevolezza delle tante sfumature della mia personalità, così aiutandomi a capire anche quali sono i miei attuali blocchi e i miei potenziali per migliorarmi e crescere.
E' un vero professionista, preparato e soprattutto disponibile.
Lo consiglio vivamente.
Grazie Paolo.

by Antonietta on Consulenza astrologica

Fatto la consulenza ieri nel pomeriggio.
Che dire mi ha commosso.
grazie e a presto

by Antonietta on Consulenza astrologica

Che dire mi sono commossa.

Conferme e illuminazioni

La conversazione con Paolo è stata ricca di spunti di riflessione e soprattutto di confronti, quasi come una chiacchierata tra amici. Ho trovato alcune delle mie insicurezze e delle mie esperienze confermate nella lettura del tema natale. Ma la nostra avventura è sempre in corso e Paolo è riuscito a illuminarmi su alcune zone di ombra da cui uscire fuori e su cui lavorare. Il nostro viaggio continua ed è anche bello poterlo guardare con occhi differenti e scrivere con le nostre stesse mani il migliore racconto della nostra vita.

Page 1 of 19:
«
 
 
1
2
3
 
»
 

 

Per sapere cosa ne pensasse Carl Gustav Jung dell’Astrologia t’invito a leggere: l’intervista

Per conoscere il punto di vista di James Hillman puoi approfondire: Astrologia e Carattere oppure leggere gli articoli nella sezione James Hillman

Su questa pagina puoi conoscere il pensiero di M. L. von Franz sulla sincronicità

Per contatti, richiesta di consulenza astrologica e avere maggiori informazioni su di me visitata la pagina: Chi sono  o compila il form sottostante

    Per poter procedere devi accettare il flag relativo alla privacy.
    I dettagli rispetto al trattamento dei dati sono su "Privacy"